[ Archivio notizie ]       :<[ Entra nel nostro sito ]>:       [ Ammninistrazione ] 



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitÓ.
Non pu˛ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.


  Corbucci si riconferma sindaco di Urbino - notizia del 11/06/2009
 


Si riconferma il sindaco uscente della coalizione del centrosinistra con 420 voti.

Il leader dell′opposizione è invece Alfredo Bonelli.

Urbino (Pesaro), 9 giugno 2009 - E’ stata una campagna dura, lo riconosce anche Franco Corbucci.
Ma alla fine l’ha ′scampata′ e il ballottaggio non c’è stato.
"E’ stata una campagna elettorale forte - commenta il sindaco confermato Franco Corbucci - perché quando si combatte contro qualcuno che è stato con te per tanto tempo diventa difficile il confronto.
A volte non riesci a comprendere i motivi dell’avversario e comunque quando ti dividi perdi un bel pezzo".



Insomma, pericolo scampato... "E’ andata bene: da parte degli avversari c’era l’idea di mandarci al ballottaggio e ci speravano proprio.
Questo è stato sventato, quindi è una vera vittoria.
E’ chiaro che ci abbiamo rimesso delle penne.
Ci sono stati anche giochi strani: dove sono finiti i voti della Lega della provinciali? Non sono andati a Bonelli che pure aveva un candidato della Lega in lista, ma a Gambini".



Le frazioni sono state un po’... ′nervose′. "Le risposte più negative sono arrivate dalle frazioni che dalla città e dintorni.
Da una prima analisi a Canavaccio e Torre San Tommaso abbiamo perso parecchio.
Ma a Schieti pur essendo un luogo dove Gambini lavorava e lavora, in realtà abbiamo avuto un buon risultato.
Però è vero, non mi aspettavo di scendere a Torre e Canavaccio.
Adesso scusatemi, devo offrire due bottiglie di spumante a chi mi è intorno...".



Franco Corbucci candidato sindaco di Urbino della coalizione del centrosinistra era sostenuto da Pd, Partito Socialista, Idv, Verdi per la Pace, Rifondazione Comunista e P.d.c.i insieme.
Nato nella frazione di Ca’ Mazzasette, sposato, con un figlio, laureato in Farmacia (dirigente della farmacia interna dell’Ospedale di Urbino dopo Novafeltria), negli anni ‘90 è stato assessore comunale a Urbino, nel 2004 è stato eletto sindaco al primo turno: per cinque anni Corbucci ha guidato la giunta urbinate.



Quello che nessuno si aspettava era la lotta con Maurizio Gambini, ex consigliere del Pd con Corbucci.
Dopo essersi dimesso dal consiglio, Gambini ha formato la sua lista civica ′Liberi per cambiare′, che aveva suscitato subito i malumori del Partito democratico di Urbino e del sindaco: tra i suoi candidati, l’imprenditore Sandro Paganelli, l’ex vice sindaco Massimo Guidi, l’imprenditore Stefano Scoglio.



Alfredo Bonelli con la lista civica ′Per Urbino′ ha contato molto sui voti del centrodestra Pdl e della Lega, ma analizzando i dati pare che la Lega non abbia risposto come previsto.
"Non potevamo sperare di sconvolgere tutto - dice Alfredo Bonelli -: tra me e Gambini e l’Udc li abbiamo comunque portati sotto il 55%. E siamo convinti che ora verrà fuori una opposizione creativa, moderata e costruttiva.
Voti mancati dalla Lega? Ma... in ogni caso sono sempre finiti all’opposizione".



Domenico Campogiani, candidato sindaco per l’Udc ha raggiunto il 4 per cento, almeno stando ai dati parziali.
L’affluenza alle urne per le comunali è stata del 79,24 per cento, per un totale di 10.097 votanti, con il picco nella sezione di Mazzaferro (84,30%) e il minimo della partecipazione popolare al voto della sezione n° 1 alla scuola Pascoli.
Una delle sezioni più attese era quella di Canavaccio, dove hanno votato 819 cittadini su 1.046, il seggio più popoloso del Comune, nella frazione più popolosa: luogo di residenza dell’imprenditore Sandro Paganelli, candidato nella lista ′Liberi per cambiare′ di Maurizio Gambini, ha raccolto grandi consensi, 137 preferenze, con un totale della lista di 237 voti.



Non sono bastati per scalzare il sindaco Franco Corbucci che ha ottenuto 420 voti: un po’ d’amarezza per l’ex assessore Massimo Spalacci cittadino doc di Canavaccio che dalle 145 preferenze delle scorse amministrative è sceso a 111; la lista di Bonelli ha ottenuto 102 voti, Campogiani 20.



Fonte:http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com