[ Archivio notizie ]       :<[ Entra nel nostro sito ]>:       [ Ammninistrazione ] 



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitÓ.
Non pu˛ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.


  La scuola rischia la chiusura Trasanni mobilitata a difesa della primaria. - notizia del 03/08/2010
 


Urbino Molto più di una mobilitazione a Urbino. La scuola primaria della frazione di Trasanni non può essere chiusa. Un libro spiega perché. E’ stato pubblicato dalla Fondazione Il Pellicano presso l′AGE di Urbino. S’intitola Trasanni, Vita di una scuola nella sua progettualità”, 180 pagine. 340 fotografie. E’ la sintesi significativa dell′attività didattica degli ultimi 20 anni. “Tutte le scuole primarie hanno una loro storia – scrive il Comitato dei Paladini della Scuola” - quella della frazione di Trasanni, mille abitanti italiani e duecento extracomunitari, si caratterizza perchè immersa nel verde, in un’area che stimola la migliore didattica e incentiva l′integrazione tra i bambini. I docenti e gli operatori scolastici, che si sono succeduti sono i testimoni di un processo formativo che ha trovato l’ambiente più adatto e sereno. Hanno potuto mettere gli alunni a vivo contatto con realtà che i bambini di città difficilmente riescono a vivere”. Prosegue il Comitato: “Nella scuola di Trasanni sono ben visibili gli spazi esterni con i tavoli da lavoro sistemati nel prato sotto l′ombra di piante di varie qualità messe a dimora con specifiche finalità. L′orto é coltivato dagli stessi alunni e presenta file ordinate di ortaggi. Il museo con i reperti animali, vegetali e minerali raccolti e ben catalogati dagli alunni. A poca distanza dall′edificio scolastico scorre il torrente Apsa che offre possibilità di studio e di ricerca con la sua ricca biodiversità. IIlavoro del corpo insegnante non si è limitato solo all′osservazione e a studi dell′ambiente naturale, ma si è aperto alla gente con le varie inchieste sulla storia del paese raccontata, a volte anche in modo commovente dai nonni, nel confronto tra l′antico e povero Borgo di un tempo con il nuovo paese”. Molto amara la nota finale: “Il nuovo ordinamento della scuola italiana ha evidenziato la presa di posizione del Ministro della Pubblica Istruzione, volta ad eliminare le piccole scuole e ciò, unitamente all′indecisione delle nostre autorità scolastiche ed amministrative, porterebbe purtroppo alla chiusura a breve termine, della scuola primaria di Trasanni, che merita invece di essere mantenuta e sorretta”.

fonte:http://sfoglia.corriereadriatico.it/Articolo?aId=1026795